Work-life balance in assetto smart, hybrid, full remote e in presenza

Nel mondo contemporaneo del lavoro, la ricerca di un equilibrio tra vita professionale e personale è diventata sempre più essenziale. Con l’avvento di nuove modalità come l’assetto smart, il lavoro ibrido, il full remote e il tradizionale in presenza, è fondamentale esaminare come queste configurazioni influenzino il nostro bilanciamento tra vita professionale e privata.Il “work-life balance” di fatto è un concetto che si riferisce all’equilibrio tra il tempo e lo sforzo dedicato al lavoro e altri aspetti della vita, come la famiglia, gli hobby, il tempo libero e il benessere personale. Si tratta di trovare un modo per gestire le responsabilità lavorative così da consentire anche il tempo per le attività non legate al lavoro e per il recupero delle energie fisiche e mentali. Un buon equilibrio tra lavoro e vita personale può portare a una maggiore soddisfazione, produttività e benessere complessivo.

Assetto smart: massimizzare la flessibilità

L’assetto smart, o “smart working”, offre una maggiore flessibilità ai dipendenti, consentendo loro di gestire il proprio tempo e ambiente lavorativo. Questo modello può favorire una migliore conciliazione tra vita lavorativa e personale, consentendo ai lavoratori di adattare le proprie ore operative alle esigenze individuali. Tuttavia, è importante stabilire confini chiari tra lavoro e vita privata per evitare il rischio di eccedere nel timing dedicato ai doveri professionali.

Lavoro ibrido: bilanciare tra due mondi

Questa modalità di lavoro combina elementi tradizionali dell’operato in presenza a quelli da remoto. Questo modello offre una certa flessibilità, consentendo ai dipendenti di lavorare da casa per una parte della settimana e di essere in ufficio per il resto. Se gestito correttamente, può offrire un equilibrio ottimale tra interazioni faccia a faccia e autonomia.

Lavoro full remote: libertà e isolamento

Il lavoro full remote offre la massima libertà, consentendo ai dipendenti di lavorare interamente da remoto. Se da un lato offre flessibilità e la possibilità di evitare gli spostamenti, dall’altro può portare a sentimenti di isolamento e difficoltà nel separare il lavoro dalla vita privata. È essenziale stabilire routine chiare e trovare modi per rimanere connessi con i colleghi così da mantenere un sano equilibrio.

Lavoro in presenza: struttura e interazioni faccia a faccia

Il tradizionale lavoro in presenza offre una struttura definita e favorisce le interazioni dirette con colleghi e manager. Sebbene possa facilitare la collaborazione e la costruzione di relazioni, può anche limitare la flessibilità e l’autonomia. Trovare un equilibrio tra lavoro e vita personale può essere più sfidante in questo contesto, ma stabilire confini chiari e praticare l’autocura sono aspetti fondamentali.

Strategie per migliorare il bilanciamento tra lavoro e vita personale

Indipendentemente dal modello di lavoro adottato, ci sono diverse strategie che possono aiutare a migliorare l’equilibrio tra vita professionale e privata. 

Ecco alcuni esempi:

  • Stabilire confini chiari tra questi due mondi, per esempio definendo orari di lavoro specifici e creando uno spazio, all’interno della casa, dedicato al lavoro. Definire chiaramente le priorità sia nel lavoro che nella vita personale può aiutare a concentrare l’energia e il tempo sulle attività più significative. Impostare obiettivi realistici e raggiungibili favorisce inoltre un senso di realizzazione e soddisfazione.
  • Mantenere una comunicazione aperta con colleghi e manager per garantire il supporto reciproco e la comprensione delle esigenze individuali, anche a distanza.
  • Praticare l’autocura dedicando del tempo a hobby e relazioni sociali al di fuori dell’ambiente lavorativo. Dedicare del tempo alle attività che appassionano è fondamentale, indipendentemente che si tratti di hobby creativi, sport, attività sociali o impegni comunitari, in quanto aiuta a mantenere un senso di equilibrio e realizzazione personale.
  • Utilizzare strumenti tecnologici e apposite applicazioni per gestire efficacemente il tempo e le attività lavorative. È importante impostare altresì limiti all’uso di questi dispositivi così da non risultare costantemente connessi.
  • Pianificare momenti di riposo e relax, ma anche rispettare il proprio corpo curando alimentazione e attività fisica. È importante inserire nella routine giornaliera momenti di pausa durante la giornata lavorativa, come pranzare lontano dalla scrivania, o periodi di stacco durante il fine settimana per ricaricare le energie. Allo stesso modo una corretta alimentazione ed esercizio fisico regolare sono fondamentali per la salute fisica e mentale, ma anche per evitare l’accumulo di tensioni e stress. 

In conclusione, indipendentemente dall’assetto lavorativo adottato, trovare un equilibrio sano tra lavoro e vita personale richiede consapevolezza, disciplina e una gestione efficace del tempo. Ogni modalità di lavoro ha i suoi vantaggi e le sue sfide, ma con le giuste strategie è possibile ottenere il massimo da entrambi i mondi.

Condividi questo articolo

Altri articoli

Storie di eroi e antieroi

Eroi fragili, stelle cadenti

La leggenda di Amy Winehouse e come la società può creare e distruggere i propri eroi con rapidità e ferocia.

Sei curioso di scoprire come possiamo "gamificare" la tua azienda?

IMG   min

Scopri il mondo dell'HR Gamification